Pubblicato il Lascia un commento

ATP di Sardegna: Cecchinato si arrende a Djere ad un passo dal titolo

Roland Garros Cecchinato

Ad un passo dal sogno, Marco Cecchinato è stato sconfitto da Laslo Dejere nella finale del fiammante ATP 250 di Sardegna. Sulla terra battuta del Resort “Forte Village” di Pula, il serbo conquistato il titolo con il punteggio di 7-6(3), 7-5, specchio di un’intenso e combattuto match durato ben due ore e 19 minuti.

I due sfidanti iniziano con una certa tensione. In una prima partita in cui ogni 15 appare incerto, Cecchinato subisce un break e lo annulla rapidamente. Dopo aver difeso con difficoltà un turno di battuta, si cambia campo sul 6-5, ma Dejere chiede l’intervento di un sanitario. Ricevuto un lungo massaggio alla coscia sinistra, il serbo torna in campo conquistandosi il 6-6. Al tie-break Ceck sembra aver perso concentrazione e lascia i primi quattro punti all’avversario, che si aggiudicherà lo spareggio per 7-3.

Nell’avvio della seconda frazione, Djere pare essersi lasciato alle spalle i problemi fisici e continua a dare filo da torcere a Cecchinato, annullandogli due palle break. Alla fine, colpa di un apparente nervosismo, è Ceck a perdere il servizio, eventualità che viene seguita da un’altra richiesta di assistenza medica, ma questa volta dell’italiano.

A seguire, Djere inizia a sbagliare più di prima, ma Cecchinato non ha la brillantezza giusta per approfittarne. Anzi, viene addirittura messo alle corde, dovendo annullare tre palle del match all’avversario prima che la quarta rimbalzi sulla riga, sancendo il 7-5 a favore dello sfidante. Ceck si avvia verso la rete evidentemente innervosito, riservando un saluto abbastanza freddo al serbo, probabilmente per quella pausa del primo set, giudicata più “tattica” che “medica”.

Djere ha guadagnato 250 punti e €13.320; per il suo secondo posto nel nuovo ATP di Sardegna, Cecchinato torna a casa con 150 punti e €11,130. Il palermitano, nonostante la prima sconfitta in una finale ATP in carriera, potrà festeggiare un nuovo ranking da numero 77 al mondo – un passo avanti di ben 26 posizioni che può far ben sperare i tifosi del tennis siciliano.

Pubblicato il Lascia un commento

Super Ceck! È finale in Sardegna

CECCHINATO Bastad

“Non fermatemi adesso, mi sto divertendo così tanto!”, cantavano i Queen. Apparentemente non riferendosi a Marco Cecchinato, anche se sorgono legittimi dubbi, perché è quello che ultimamente sembra gridare il palermitano sul tappeto musicale dei suoi ritrovati dritti e rovesci. Oggi, più che mai, sembrava che non potesse fermarlo nessuno nella ricerca della finale dell’ATP di Sardegna. Certamente non Petrović, strapazzato per 6-1, 6-0 in un’ora di gioco. L’ultimo avversario con cui Ceck dovrà vedersela nel Sardegna Open sarà Laslo Djere (domani, orario da definire).

Il dominio di Cecchinato è stato netto durante tutta la partita, anche se il risultato così schiacciante si spiega anche per in problemi fisici di Petrović sul finale.

“Oggi la cosa importante è stata non sottovalutare un avversario con un buon servizio. Sono entrato in campo molto attento, sono stato perfetto in risposta. Lui non ti dà ritmo, pochi scambi. Ho impostato bene la partita con Max Sartori” ha detto il palermitano a bordo campo a SuperTennis.

Sarà la quarta finale in carriera per Cecchinato, che ha vinto le tre precedenti (Budapest e Umag nel 2018 e Buenos Aires nel 2019). In attesa di capire se alzerà il trofeo del primo o del secondo classificato, il palermitano è già sicuro di rompere il muro del top 100 e scattare fino al numero 77 della classifica mondiale. Ancora lontano dal suo best ranking da numero 16, ma sembrano ottime prove di rinascita.

Ero venuto qui fuori dai 100. L’obiettivo nostro era di rientrarci, ora abbiamo raggiunto anche un’altra finale” ha aggiunto sempre a SuperTennis. “E’ passato un anno e mezzo dall’ultima, ma sembra un’eternità”.

Laslo Dejere, il prossimo sfidante nell’ATP di Sardegna, è approdato alla finale dopo la semi vinta per abbandono contro Lorenzo Musetti. I due erano pari nel conteggio dei set quando, nella terza partita, l’italiano ha dovuto ritirarsi per un infortunio al gomito destro. Sarà il secondo incontro fra il serbo e Cecchinato, con quest’ultimo che uscì trionfante nella prima occasione, nel 2018 ad Umag, torneo che poi vinse.