Pubblicato il Lascia un commento

Il 2020 di Luca Potenza, il tennista per caso col futuro nelle sue mani

Luca Potenza
Share:

Se c’è una parola che si usa a sproposito nel discorso sportivo di oggi, questa è predestinato. E qualcuno l’avrà pure pensata quando Luca Potenza, ventenne, alzava il suo primo trofeo ITF, il 15.000$ di Monastir dello scorso settembre. La verità, però, è ben diversa: Luca iniziò col tennis per caso, spinto dal padre perché l’ambiente del calcio, suo primo amore, non gli sembrava adatto per il figlio.

“Non c’è male che non venga per fare del bene”, dicono in Spagna. E infatti il rifiuto obbligato del calcio e la conseguente partecipazione senza aspettative ad una giornata di prova di una scuola tennis hanno inaspettatamente aperto a Luca un futuro luminoso. Quest’anno sono arrivate le prime grandi soddisfazioni, ma lo sforzo per ottenerle ha radici ben radicate nel tempo. Fu nel 2017, per esattezza, che il licatese (come la collega Dalila Spiteri) si trasferì al Tennis Team Vianello di Roma, per iniziare un percorso di crescita professionale che prosegue ancora oggi.

Come ha dichiarato a Sportface, avevo pochissima esperienza nei tornei ITF. Non ne gioco moltissimi perché non ho grandissime disponibilità economiche, ho tre fratelli e mio padre è l’unico che lavora nella mia famiglia“. Con queste premesse e in un anno così, ogni torneo si trasforma nella grande occasione che non si può sprecare. Non è andata per nulla sprecata quella settimana finale dello scorso settembre, in cui, come dicevamo, ha trionfato per la prima volta in un torneo internazionale. Lui l’ha definita “un’impresa“, soprattutto perché la rincorsa verso al titolo partiva dalle qualificazioni

LEGGI ANCHE: IL 2020 DEL TENNIS SICILIANO: UN SUCCESSO DA ALIMENTARE

Dopo l’exploit, il licatese ha deciso di piantare le tende in Tunisia, capendo di aver trovato terra fertile per il suo tennis. A Monastir, infatti, si stanno giocando ITF a rotazione continua e Luca Potenza sta partecipando praticamente a tutti. La settimana successiva al successo, arriva addirittura alla semifinale; poi una sconfitta al primo turno e di nuovo quarti. Questa settimana, solo secondo turno, ma partendo dalle quali.

Tutte partite che sommano esperienza, in un 2020 in cui il siciliano ha ottenuto ben 19 vittorie internazionali e solo 5 sconfitte. Vale a dire, ha vinto l’80% delle partite giocate. Mica male, per un ventenne. Ma se vi entusiasma questo, immaginatevi il futuro. Perché Luca Potenza non sarà un predestinato, ma promette molto bene.


Share:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.